Conserve di peperoni al naturale

 ***AGGIORNAMENTO (2012): per le conserve di peperoni 2012 cliccate QUI***

Fine agostoda buone formiche abbiamo ricominciato a produrre conserve di peperoni, attività tutt’altro che  rilassante ma che vi fara’ passare una mattinata in compagnia della vostra famiglia, con la mente libera dai mille pensieri quotidiani, circondati da un profumino delizioso.

Quelle che vi sto per proporre sono tra tutte le conserve che preferisco in assoluto…. decisamente da provare… girano in casa mia da generazioni e sono sempre state molto apprezzate! RICETTA ULTRA COLLAUDATA!conserve di peperoni al naturale

CONSERVE DI PEPERONI


Ingredienti:
Peperoni rossi (belli grandi)


Procedimento. Lavate i peperoni per bene e fateli riposare per circa due giorni stesi su un tavolo. Al momento di operare togliete i piccioli e cercate di far uscire tutti i semi. Ora dovrete –come facciamo noi di casa- dividervi in 3 squadre:
1- Il maschio di casa che arrostisce i peperoni a fuoco molto vivo (obbligatoriamente sulla brace) facendo attenzione a non far bruciare i peperoni, ma solo la pellicina esterna che deve risultare SEMI-carbonizzata. 
2- donne, bambini e inesperti che provvederanno a “spellare” il peperone, privandolo della buccia carbonizzata. La parte più divertente a mio avviso!
3- gli espertissimi che “ripasserano” i peperoni gia spellati, aprendoli e torgliendo le ultime pellicine nere e gli ultimi semini. conserve di peperoni alla maniera teramana

Dopo l’operazione di cui al punto 3) i peperoni vanno messi a scolare negli scolini per un pò e successivamente tagliati a listarelle con cui infine si riempiranno i vasetti.

NIENTE CONDIMENTI, NIENTE SALE, NIENTE OLIO, ECC. SOLO PEPERONI!

Chiudete ora per bene i vasetti con l’aiuto dell’uomo di turno. Ora il meno è fatto!
Con questa calura manca il compito più ingrato: farli bollire le conserve di peperoni a bagnomaria. Ovviamente anche questo è appannaggio dello sfortunato maschio di turno. Mettete i vasetti in un pentolone, copriteli con l’acqua e metteteli sul fuoco. Arrivati ad ebollizione fate bollire 15-20 minuti e togliete dal fuoco. Aspettate che l’acqua si raffreddi e voilà i vasetti son pronti. Potete rimpinguare la vostra dispensa.

NB. al momento della fruizione delle conserve di peperoni toglietele dal vasetto e condite con olio, sale e prezzemolo. Non vi pentirete di tutto il caldo che il vostro uomo ha dovuto soffrire, ve lo assicuro!!!

15 thoughts on “Conserve di peperoni al naturale”

  • Sicuramente preparare le conserve con questo caldo torrido non è il massimo , ma che soddisfazione aprire il vasetto l'inverno e sentire il profumo dell'estate, sicuramente i peperoni avranno più gusto!Mi piace l'idea di conservarli al naturale!

  • ciao cuochissima… io ero l'uomo, ma allo stesso tempo inesperto… dunque ho spellato!!! Che figata!!!

  • Io per ora ho fatto solo la conserva…ma questi peperoni conservati senza l'aggiunta di condimenti mi piacciono da impazzire! se riesco a coinvolgere la famiglia li provo di sicuro!
    Un bacione
    fra

  • Ciao 🙂
    che invidia i tuoi peperoni, sembrano così polposi e succulenti! mia madre li adora e li mangerebbe in tutti i modi, quindi vorrei provare a realizzarli, magari solo due o 3 vasetti, ma quanto li sterilizzi e per quanto li conservi?
    grazie e un bacione
    Muccasbronza

  • ciao Serena a quanto vedo le vacanze sono finite!!!fino a poco tempo fa li conservavo anch'io cosi….ora invece, dopo arrostiti e puliti,li conservo in vaschette e li congelo..sono buonissimi!!!!un bacione Tittina

  • gia'..piacciono molto anche a me per via della loro semplicità….
    @muccasbronza: li tolgo dal fuoco appena cominciano a bollire e si conservano per più di un anno… noi abbiamo ancora da finire quelli dello scorso anno!

    @tittina: hai notato eh che le mie vacanze sono finite!!! 🙂 questa cosa delle vaschette mi è nuova!!da provare…

  • Attenti al botulino. In questa ricetta potrebbero non essere presenti agenti conservanti. Si ricorda che neanche l'olio da solo è un conservante. Per evitare la formazione del botulino (anaerobico!) bisogna essere almeno in una di queste condizioni: pH inferiore a 4.6, presenza del 10% in peso di sale, presenza del 35% in peso di zucchero. La bollitura a 100 gradi di per sé non ammazza la spora del botulino. Per evitare il rischio consumare i cibi conservati previa cottura di almeno 10 minuti. La tossina botulinica, infatti, (uno dei peggior veleni in natura) può essere così inibita! Saluti

  • io adoro i peperoni mi puoi dare una ricetta dei peperoni agrodolci in va? grazie per le tue ricette sono gustosissime!!!!!!

  • saranno buonissimi infatti penso che li faro' xchè li ho nel mio orticello !grazie 1000 x l'idea :*

  • Ciao, che bella ricetta! Avrei una domanda: SPELLARE i peperoni è una questione di gusto oppure la pellicina influisce in qualche modo sulla cattiva conservazione del prodotto? Purché a me non da noia, anzi, sono fibre benefiche… solo che trovo sempre nelle ricette che va tolta. … e la cosa un po mi scoraggia. .. a presto, Michela.

  • Ciao Michela! sinceramente non so cosa risponderti… alla mia famiglia quella pellicina poco digeribile ha sempre dato noia, però non vedo come la pelle possa dare problemi nella conservazione…per tutti gli altri vegetali è più o meno indifferente per cui mi aspetto che anche per i peperoni sia cosi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *