Le Virtù teramane

Oggi è il 1° Maggio, e come ogni buon Abruzzese sa, a Teramo, la mia città, si mangiano le Virtù. 

 Ora, spiegare cosa siano è un pò difficile. Comunque,immaginatevi un minestrone tutt’altro che vegetariano e assolutamente PESANTE, ma allo stesso tempo TROPPO, e dico troppo buono. Già lo scorso anno ve ne avevo parlato in questo post (spiegandovi un pò le sue origini contadine), e oggi ve ne voglio RIparlare e lasciarvi di nuovo la ricetta. Non pensate che sia un piatto da fare di ritorno dal lavoro in quattro e quattr’otto, anzi, ci vuole tempo, lunga cottura, scelta degli ingredienti, pulizia accurata della verdura… diciamo che i tempi di preparazione oscillano fra una mezza giornata e una giornata intera!

LE VIRTU’ di Teramo
Ingredienti
(in quantità abbondanti e variabili… a occhio insomma!)
Carne di maiale: cotiche, piedi, orecchie, qualche pezzetto di carne magra,
prosciutto a cubetti
Legumi: fagioli, ceci, pochi piselli, poche lenticchie, fave
Verdure: carote, sedano, bieta, verza in quantità, pomodoro, cipolla
Pasta: dovrebbe essere mista, con qualche tortellino, pasta corta, e pasta all’uovo
NB. secondo la tradizione di ognuna di queste categorie dovremmo usare 7 elementi… diciamo che non seguo in tutto e per tutto la tradizione!
Preparazione:
La carne va innanzitutto sgrassata: va bollita a lungo nell’acqua, poi scolata e rimessa in acqua calda ben sminuzzata per 30 minuti. A questo punto aggiungiamo le verdure ben tritate e successivamente i legumi messi in ammollo la sera prima. Si aggiunge un pò di passata di pomodoro (la quantità varia in base ai gusti),olio, sale e un pizzico di pepe e si fa cucinare a lungo il tutto aggiungendo acqua calda se necessario. La preparazione è piuttosto lunga: gli ingredienti devono quasi spappolarsi del tutto, amalgamandosi perfettamente tra loro.
Quando tutto è pronto si cucina a parte la pasta e poi si butta nel nostro “calderone” finchè anch’essa non si amalgami e quasi spappoli..
Per chi non se ne fosse accorto, e dubito che qualcuno non se ne sia accorto, nella mia cucina è entrata la ME RA VI GLIO SA pentola in ghisa smaltata Le Creuset. La adoro. Rossa, allegra, elegante, perfetta. La sognavo da tempo ed alla fine è arrivata. I’m in love, è ufficiale.

0 thoughts on “Le Virtù teramane”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *