Una strage

Ho fatto una strage. 
Perchè quando io e il Finn ci mettiamo insieme, d’impegno, riusciamo a fare cose che a ripensarci uno non si capacita di come, C O M E, ti sia venuto in mente. 
Tipo bambini che fanno maracchelle, a 30 suonati.
Dovete sapere che col matrimonio m’è venuta questa insana passione per le orchidee, vuoi perchè molte sono arrivate in dono, vuoi perchè io nn ce l’ho mai avute a casa, vuoi che mia madre le uniche piante che avevo me le sabotava botta-botta… insomma è successo che mi trovassi la casa invasa da 5 orchidee (+4 sbolognate in casa materna). 
Settimane fa le vedevo così sofferenti, con le radici fuori, i fiori appassiti, gli steli secchi.
 Sai che c’è? cambiamoci il vaso, compriamo il terriccio per orchidee… che dici questo stelo rigoglioso lo potiamo? massì, potiamolo. Z A C . Praticamente abbiamo tagliato tutta l’orchidea, senza rendercene conto.
 
Dopo una settimana le mie belle orchidee verdi risultavano flaccide, il terrume non si asciugava e le prime foglie cominciano a ingiallire. Cadere. OH NO!
 
– Aiuto, Sig. fiorista… ma cos’ho sbagliato? 
 
– tutto.
 
– ah bene…
– non dovevi cambià vaso, non dovevi potare assolutamente, poca acqua, mai terreno umido. Tiè, ti do un pò di terriccio giusto, prova a spiantarle di nuovo.
– (Cacchio). 
Comunque alla fine l’ho fatto. Ripiantate. Il Dendrobium, ad essere sinceri, (Finn nn leggere) lo vedo spacciato. Spacciatissimo. Andato. Muerto. Praticamente ci son rimaste solo le radici.
 
Le Phalenopsis ce la faranno secondo le mie previsioni.
 
E pensare che le accudivo come fossero pargoli, con cura estrema. Avevo creato loro una nursery in bagno, proprio sotto la finestra, in un ambiente umido. L’ambiente più vicino al sub tropicale che io conosca.
 
Pollice verde, dove sei cacchio sei finito?
 La beffa  è che invece le orchidee lasciate da mamma sono vive, rigogliose, sane. Gli steli non li ha tagliati, le radici proliferano fuori dal vaso, le vaporizza quotidiaanamente con acqua e le doccia una volta alla settimana. Alla faccia della sottoscritta.
Comunque sono stata una frana. E mi sento pure un pò in colpa. Decisamente in colpa. 

7 thoughts on “Una strage”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *