Ravioli teramani di ricotta- dolci e salati

 ravioli teramani

Da dove cominciamo? i ravioli teramani sono un must di Carnevale. E io potrei quasi scommettere che per decenni mia madre li ha fatti solo ed esclusivamente a Carnevale e poi basta, per tutto l’anno successivo.

Si fanno in due versioni, per mettere d’accordo tutta la famiglia: dolci e salati. C’è il papà che li mangia solo salati, il nonno che li vuole dolci, il suocero che li vorrebbe dolci ma se li mangia salati e io che ancora non so decidermi e li mangio entrambi.

La cosa stramba è che, siano essi dolci o salati, vanno rigorosamente conditi col sugo, quello classico al ragù oppure finto, per stare un pò piu leggeri. Contrasto che col dolce del raviolo ti lascia un pò interdetto ma che poi crea quella leggera dipendenza che ti spinge a mangiarne un piattone enorme.

RAVIOLI TERAMANI  DI RICOTTA


Impasto pasta fresca:
400 g di farina 00 (oppure metà 00 e metà semola)
4 uova
sale
olio
Impastare il tutto partendo dalla fontanella e impastare per bene fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Far risposare per un po e poi sfogliare con la macchina per la pasta in una sfoglia sottile.

Le dosi del ripieno sono ad occhio, come nella migliore delle tradizioni!


Ripieno alla ricotta per ravioli DOLCI (dosi ad occhio, come nella migliore tradizione

ricotta
tuorlo
maggiorana
zucchero
cannella
pangrattato 
(qualcuno aggiunge pavesini o fru-fru macinati -.-)

Ripieno alla ricotta per ravioli SALATI:

ricotta
tuorlo 
prezzemolo
parmigiano 
noce moscata
sale
pangrattato

Condimento al sugo.
  Certo e’ che qualcuno i ravioli dolci li preferisce burro e salvia, e potrei anche spezzare una lancia in loro favore!

Il procedimento e’ quello classico dei ravioli: impastate una pasta fresca bella liscia, stendete delle sfoglie molto sottili e versateci su delle piccole palline di ripieno (diciamo grandi quanto un cucchiaino). Ripiegate la sfoglia su se stessa come nella prima immagine e tagliate con la rotellina dentata delle mezzelune. Ovviamente questa e’ la forma della mia tradizione famigliare ma potete anche decidere di poggiarci su un’altra sfoglia e fare degli eleganti ravioli quadrati. Far risposare ben infarinati e distanziati (si attaccano solo a guardarli) su dei vassoi di cartone fino al momento della cottura.
Cuocere poi in abbondante acqua salata con coperchio per qualche minuto o almeno finche’ non cominceranno a risalire a galla. Scolate delicatamente e condite come piu preferite: sugo o burro e salvia.

ravioli teramani dolci e salati
ravioli teramani dolci e salati

1 thought on “Ravioli teramani di ricotta- dolci e salati”

  • Tanti auguroni mia cara neo mamma!!
    E' la cosa più bella che alla donna potesse capitare.
    A me è capitato per tre ben volte, e ne sono contentissima. Al travaglio non ci pensare, pensa al dopo e tutto andrà bene.
    Un abbraccio forte cara!Buona domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *