Cicerchiata

cicerchiata

La cicerchiata per la prima volta l’ho assaggiata a L’Aquila, in una casa universitaria un pò sgangherata, fatta dal nostro amico Nicola.Fu amore a primo assaggio. A casa mia non rientra tra i dolci della tradizione Carnevalesca, a differenza delle tanto amate chiacchiere e dei tanto famosi ravioli dolci teramani, ma vi assicuro che la mia piccola Polpettina (buongustaia e schizzinosa) ha approvato la sua mini Cicerchiata di Carnevale, per cui potete procedere tranquilli nella realizzazione di questo dolce semplice e gustoso.

CICERCHIATA
Ingredienti
impasto:
uova, 1
zucchero, 1 cucchiaio
limone/ arancia grattugiata
sale, 1 pizzico
olio semi girasole, 1 cucchiaio 
vino bianco o anisetta, 1 cucchiaio 
farina, 140 g circa
decorazione:
miele, 100 g
zucchero, 30 g
scaglie di mandorle, una manciata
zuccherini

procedimento. Impastare tutti gli ingredienti lavorando a mano in una ciotola e aggiungendo gradualmente la farina. Formare un panetto omogeneo. Stendere l’impasto dello spessore di mezzo cm, tagliare a striscioline ed infine a cubetti (piccoli gnocchetti) lavorando su un piano leggermente infarinato affinche’ non si attacchino.
Friggere in abbondante olio di semi di girasole, tirar via dall’olio quando cominciano a dorarsi e lasciar scolare su della carta per fritti.
Sciogliere in una pentola il miele con lo zucchero e aggiungere i nostri struffoli, le lamelle di mandorle e mescolare per bene.
Versare in piccoli stampini di carta per avere delle monoporzioni e spolverare di zuccherini. Oppure versare il tutto su un unico piatto da portata e modellare aiutandosi con mezzo limone o con le mani bagnate.




 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *